politica

1989, si occupano le università, nasce il movimento della pantera.

Tra dicembre del 1989 e marzo del 1990 la quasi totalità delle università italiane furono occupate per impedire l'approvazione di un disegno di legge (legge Ruberti) che prevedeva l’ingresso dei privati nel finanziamento e nella gestione degli atenei. In uno striscione portato in corteo per le strade di Bologna, e rimasto alle cronache grazie ad una bella foto di Luciano Nadalini, si può leggere uno degli slogan più riusciti: Privatizzare è prima di tutto privare.
Si avvicina il ventisettesimo anniversario, per l’occasione ho intervistato Giuseppe Greco, un protagonista degli occupanti bolognesi.
Giuseppe abita a Pietrapaola, e gestisce un piccolo stabilimento balneare semi-abusivo. Per telefono  ha rilasciato una breve intervista.

Il Buy Back di ENI. Ti presto 6 miliardi, tu me ne restituisci 2

L'Italia ha un debito pubblico alto, e rischia anche di sforare la soglia del 3% del deficit. Sia il debito pubblico, sia il deficit, sono rapportati al PIL. Un modo per farli apparire più piccoli è far crescere il PIL. Ma il PIL non cresce, anzi, diminuisce, perché diminuiscono i suoi componenti, cioè i consumi e gli investimenti.
Con gli 80 euro Renzi ha provato ad intervenire sui consumi, ma i risultati non si sono visti. Non solo perché gli 80 euro sono stati assorbiti da altri tributi, ma soprattutto perché è dagli anni Ottanta che il moltiplicatore non agisce più, lo dimostra anche l'aumento, registrato in questi giorni,  dei depositi bancari. I consumi, addirittura, sono ulteriormente calati. E la battaglia è finita prima di incominciare.

La deflazione, il moltiplicatore monetario e la velocità di circolazione

C'è inflazione se i prezzi salgono, e deflazione se i prezzi scendono.
I prezzi salgono (e scendono) per due ragioni. O perché, a parità di beni offerti e una domanda di beni stabile, aumenta l'offerta di moneta , oppure perché, a parità di offerta di moneta e una domanda di beni stabile, diminuisce l'offerta di beni. Va de se che nel caso della deflazione avviene l'esatto contrario.
Dunque, c'è deflazione se diminuisce l'offerta di moneta, se c'è un calo della domanda di beni, oppure se c'è un aumento dell'offerta di beni. Se queste tre evenienze si verificano inseme c'è sicuramente deflazione. In questo caso si può parlare di crisi conclamata.

Firefox OS, Alcatel OneTouch Fire, italiano e ROM cucinate in Venezuela

Il primo telefono FFoS apparso in Italia è stato messo in vendita l'anno scorso dalla TIM a 79 euro. FFoS sta per Firefox (quelli di Mozilla e del browser web) Operating System. Quest'estate il telefono è stato messo in svendita a 59,99 euro (+ 5 euro di traffico - costo netto del telefono 55 euro).
Si tratta di uno smartphone, un telefono intelligente, di quelli che si connettono ad internet, accedono alla posta, a whatsapp, a facebook e a twitter, e che permettono di comprare ogni ben di dio su ebay e amazon, o libri su ibs. Un vero affare! Senonché questa mattina sul sito della tim il telefono è presente e in vendita, ma non disponibile. Si saranno finalmente liberati dalle scorte.

La pazienza dei milanesi 2

I milanesi hanno qualche problema con le rotonde. È un fatto risaputo. Ne hanno parlato anche alla televisione. Prima della ventata riformatrice, la quale ha obbligato i sindaci della città metropolitana e dei centri conurbati ad uniformarsi alla nuova moda rotondista, prima di questa ventata, le cose, a Milano, andavano in tutt'altra maniera. E anche le rotonde sottostavano, se non ad un tiro, perlomeno ad una regola ambrosiana. Così come accadeva, e accade tutt'oggi, per il Carnevale e per le procedure tecniche del palazzo di giustizia.