Tutti allegramente amici di Obama

In Italia non cambierà niente che non sia stato deciso altrove. La possibilità che ci è stata data in queste elezioni è di votare per un Europa a trazione tedesca, oppure per un Europa a trazione Americana. L'Italia ha già deciso da mesi con chi stare. Quando Renzi e Napolitano hanno incontrato Obama stringendo un patto con lui, lo ha fatto anche l'opposizione.
Grillo e Casaleggio entrano ed escono dalle ambasciate Americane ed Inglesi, mantenendo sull'Europa una posizione apertamente anti-tedesca. Come si è visto bene a Kiev, in tutta Europa i gruppi fascisti al soldo degli americani hanno una sola funzione: mettere in difficoltà la Germania.
I tedeschi sono i primi a temere la chiusura dei rubinetti del gas russo perché le loro industrie dovrebbero cercare in breve tempo grandi quantità di energia in altri luoghi.
Alcuni fatti recenti sono segnali di questo spostamento strategico italiano verso gli Stati Uniti. L'asse industriale automobilistico italiano, che da quando è americano ha portato Detroit ad essere direttamente in competizione con Berlino. L'ENI è tornata ad essere padrona della Libia e i francesi, che avevano vinto la guerra contro Ghedaffi, sotto "suggerimento" americano hanno abbandonato le pretese di primato sul petrolio libico. Terzo: la vendita di Alitalia agli arabi piuttosto che ai tedeschi o ai francesi (si sa che gli Arabi debbono molti piaceri agli americani). Quarto: i capitali americani pronti a salvare le industrie di stato italiane, quando da tempo i tedeschi avevano messo gli occhi sui “gioielli” italiani. Pensavate veramente che gi americani vedessero di buono occhio l'unione della Germania? Quindi mentre ci scanniamo sui soliti scandali italiani e sulle varie scoperte dell'acqua calda, ascoltando i vari Santoro, Travaglio e Crozza. I nuovi assetti del post Euro stanno già prendendo forma. Ultima cosa: vi sarete sicuramente domandati come fa un funzionario americano, il segretario del tesoro, a sparare una cavolata così grossa sul famoso "complotto su Berlusconi", dicendo che"non è uso degli americani intervenire scorrettamente sulle vicende di altri paesi". In quella vicenda i complottisti sono la Merkel e Sarkozy e gli americani fanno esplodere in piene elezioni Europee la bomba, dove a pagare è la cancelliera. Si sa, loro non intervengono mai sui destini degli altri paesi, tranne aver scatenato la terza guerra mondiale che stiamo combattendo da anni con il solito finale: gli italiani salvati dagli americani.
fonte imnmagine wikipedia
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/e/ed/Tintin-mainSupportingChara...

Share/Save